Le mie 100 cose…

Durante la pausa pranzo in ufficio mi sono perso a leggere nei blog svariati post relativi a: “100 luoghi da visitare una volta nella vita” o “le 100 cose da fare una volta nella vita”. Beh questo mi ha dato uno spunto divertente per fare la mia lista, seppur non sia un amante né delle liste né del “programmare” in generale, delle 100 cose che vorrei fare e i luoghi che vorrei visitare.

Pur partendo dalla lista originale (http://exploremore.it/risorse/liste/100-cose-da-fare-prima-di-morire/ Blog che consiglio a tutti di seguire) desidero personalizzare la lista in base alle mie passioni e ai miei desideri:

1. Mettere piede su ogni continente.

  • Europa
  • Asia
  • Oceania
  • Africa
  • Nord America
  • Sud America
  • Antartide

2. Fare un viaggio intorno al mondo usando mezzi non convenzionali

3. Visitare l’Olanda in bicicletta.

4. Prendere la Transiberiana.

5. Visitare tutte le capitali europee.

6. Ripercorrere i passi di Kerouac negli Stati Uniti, da New York a San Francisco, insomma COAST TO COAST USA.

7. Fare almeno un mese di volontariato.

8. Camminare su una delle montagne più alte del mondo in Nepal.

9. Partecipare al Carnevale di Rio, Brasile.

10. Partecipare alla Tomatina, Valencia, Spagna.

11. Vistare il Grand Canyon innevato.

12. Partecipare all’Oktoberfest, Monaco, Germania con tutti gli amici.

13. Fare skydiving.

14. Fare scuba diving tra gli squali.

15. Fare un viaggio “on the road” per almeno un mese io e Lisa.

16. Imparare il Russo.

17. Nuotare con i delfini a Cayo Blanco

18. Diventare vegetariano per almeno un mese.

19. Tatuarsi qualcosa di così stupido da pentirsene immediatamente dopo.

20. Vedersi pubblicata una foto National Geographic Italia

21. Vedersi pubblicato un articolo.

22. Scrivere un libro.

23. Pattinare in un lago ghiacciato.

24. Stare per almeno 3 mesi senza internet.

25. Visitare Tokyo e mescolarsi tra gli Otaku.

26. Cavalcare un cavallo nelle praterie dell’Alberta.

27. Fare surf.

28. Fare un tuffo nell’acqua ghiacciata dei poli.

29. Vedere il Macchu Picchu, in Perù.

30. Fare l’artista di strada per un giorno, e ricevere almeno 20 euro.

31. Vincere un concorso, qualsiasi.

32. Lavorare all’estero.

33. Mangiare un vero Taco in Messico.

34. Visitare una distilleria in Scozia

35. Fumare un sigaro a Cuba.

36. Andare nel peggior bar di Caracas.

37. Fare un safari in Africa.

38. Vedere il Magic Bus di Alexander McCandless (Into the Wild) in Alaska.

39. Camminare sulla Grande Muraglia Cinese.

40. Leggere almeno 1.000 libri.

41. Mangiare un insetto.

42. Vivere per almeno un mese in una casa sull’albero.

43. Vedere un canguro libero.

44. Attraversare l’Australia in Jeep

45. Fare un viaggio di almeno una settimana senza valigia.

46. Inventare un cocktail e vederlo sul menù di un ristorante/locale.

47. Sposarmi con Lisa a Las Vegas.

48. Fare birra fatta in casa.

49. Farmi un Selfie una volta al giorno per un anno.

50. Vedere le Piramidi in Egitto.

51. Soggiornare in uno dei cinque paesi più freddi della terra (http://best5.it/post/5-posti-abitati-piu-freddi-della-terra/).

52. Assistere ad una messa Gospel ad Harlem.

53. Assistere ad un matrimonio celtico a Galway con Lisa.

54. Esporre una mia foto in una mostra.

55. Visitare l’Europa in camper.

56. Ubriacarsi e dormire sotto le stelle in una spiaggia caraibica.

57. Andare a una spiaggia nudista, nudo.

58. Lanciare una torta in faccia a qualcuno.

59. Fare l’autostop.

60. Volare sopra New York con l’elicottero.

61. Svegliarsi una mattina e partire, senza programmare.

62. Fare una crociera con tutti i miei amici.

63. Vedere il Vaticano.

64. Visitare il Paese di Babbo Natale (ROVANIEMI).

65. Andare allo Sziget Festival a Budapest, in Ungheria.

66. Partecipare al Full Moon Party, a Koh Pha Ngan, Thailandia

67. Comprare, restaurare  e sopratutto guidare un’auto d’epoca.

68. Vedere l’aurora boreale.

69. Vedere Angkor Wat, in Cambogia.

70. Fare snowboard.

71. Prendere il sole nella Pink Sand Beach.

72. Licenziarmi e poter vivere solo attraverso le mie passioni.

73. Comprare una vecchia casa di campagna da condividere con artisti viaggiatori.

74. Convincere qualcun altro a fare una lista come questa e vedere chi finisce prima.

75. Travestirmi da Winnie the Pooh.

76. Fare un viaggio con la mia Famiglia (Flavio, Lorella, Alice, Eros e Lisa).

77. Fare un viaggio solo per andare a trovare tutte le persone conosciute nei viaggi precedenti.

78. Fare il cammino di Santiago con mia sorella (Alice).

79. Soggiornare in una comunità Hamish.

80. Vedere il Sahara.

81. Imparare a usare l’arco.

82. Campeggiare in una foresta pluviale.

83. Fare la doccia sotto una cascata.

84. Vedere Uluru.

85. Vedere una partita di Basket NBA.

86. Vedere una partita di POLO.

87. Creare un bonsai.

88. Assistere ad un Ping pong show a Phuket

89. Essere accolto in una riserva degli Indiani d’America.

90. Fare Couch Surfing.

91. Essere un esempio per qualcuno.

92. Smettere di NON dormire a causa dei brutti pensieri.

93. Volare in un altro paese e tornare la sera stessa.

94. Ricevere almeno 10 commenti su questo post.

95. Diventare un esperto di qualcosa.

96. Essere eletto qualcosa.

97. Comprare un oggetto ad un mercatino che si rileva un pezzo d’arte.

98. Vedere la Monna Lisa.

99.  Visitare ognuno dei ‘100 Luoghi da Vedere Prima di Morire‘.

100. Fare in modo che questa lista non rimanga soltanto una lista.

 

Beh che dire, spero che l’ultimo sia il primo e più importante di tutti. Per il resto attendo le vostre liste e i vostri commenti.

Buon Sognare a tutti.

 

Davide

Anno Nuovo Vita Nuova

L’anno è iniziato da circa una decina  di giorno, ho avuto modo di fare un bilancio di quest’anno che per me è stato molto complicato e in alcuni momenti difficile da metabolizzare su più fronti.

Partendo dal presupposto che credo inutile redigere liste dei buoni propositi in quanto ogni anno risultano sempre maggiori quelli che non si riesce a rispettare a discapito di quelli che invece riusciamo a compiere, valuto complessivamente il bilancio finale dell’anno, cercando di mettere sul piatto gli aspetti negativi e gli aspetti positivi del periodo trascorso.

Così i miei pensieri si sono soffermati ai momenti di maggiore difficoltà che ho incontrato quest’anno concludendo che l’unica cosa che il 2015 ha lasciato in me di positivo sono il rafforzarsi di certi legami, e su questo punto posso solo ringrazizare la mia famiglia e gli amici.

In particolare posso dire di avere una famiglia splendida alle spalle che non mi fa mancare nulla e a cui devo tutto. Due genitori (Flavio e Lorella) magnifici, che ammiro ogni giorno per quello che riescono a fare e quello che riescono a darmi. Un faro guida nel risolvere i problemi della vita; sempre pronti ad aiutarmi, con le giuste dosi di presenza e assenza che nella vita servono a farti crescere.
Una sorella (Alice) meravigliosa che, nonostante tutto, ha una forza d’animo infinita, non si ferma davanti a niente e la sua caparbietà la porterà molto lontano. Un “cognato” (Eros) che risulta essere l’esempio degli esempi, dopo tutto quello che gli è successo è ancora in grado di sorridere alla vita, trasmettendoti  quel qualcosa che alla fine ti fa ripetere in testa “POSSO FARCELA”.
Una nonna (Bruna) che vivendo in casa con noi mi ha da sempre insegnato cosa significa il sacrificio e l’aiuto verso gli altri.
Ed infine una compagna (Lisa) con la quale stiamo cercando di creare una vita assieme (oramai conviviamo da un bel pò), non senza difficoltà, ma cercando sempre di essere l’uno la metà mancante dell’altro. Camminare sempre uno a fianco dell’altro, mai troppo avanti e mai troppo indietro, lasciandoci il necessario spazio che ogni essere umano ha bisogno per sentirsi parti di un tutto.

Screenshot 2016-01-13 19.32.09.png

Beh degli amici che dire, ne perdi, ne ritrovi, alcuni per scelte di vita si allontanano ma restano sempre vicino a te, alcuni invece prendono strade che non condividi e quindi sei tu ad allantanarti, ma in fondo quello che rimane o che almeno speri rimanga nel passaggio all’interno tua vita è il vero valore che amicizia è : “Gli amici sono quelli che ti aiutano a rialzarti, quando le altre persone neanche sapevano che eri caduto” (Cit.).

Detto ciò non mi resta che dire GRAZIE a tutte quelle persone che mi sono state vicini in questo difficile 2015 con la speranza che nel 2016 da questo punto di vista le cose non cambino ma che ci siano momenti di serenità e che le scelte che fin qui ho fatto rispettando i miei valori possano dare i loro frutti.

Un ferragosto piovoso – Caorle

Venerdì mattina ero a casa da solo e quindi, vista la giornata e visto sopratutto il mio pessimo stato d’animo, ho deciso di concermi una passeggiata al vicino mare.

Buona Giornata

ferragosto piovoso a Caorle
ferragosto piovoso a Caorle
ferragosto piovoso a Caorle
ferragosto piovoso a Caorle
ferragosto piovoso a Caorle
ferragosto piovoso a Caorle
ferragosto piovoso a Caorle
ferragosto piovoso a Caorle
ferragosto piovoso a Caorle
ferragosto piovoso a Caorle
fotografia
ferragosto piovoso a Caorle

un ritorno inaspettato

Dopo tanta assenza,

mi ritrovo seduto alla scrivania dell’ufficio a cercare di ricapitolare tutto quanto è accaduto in questo tempo.

Era più di un anno che non scrivevo nulla sul blog ma tra il lavoro che diventa ogni giorno più difficile e le difficoltà che sorgono nella vita quotidiana mi ero dimenticato di aggiornare il mio diario.

Beh, non faccio un punto della situazione perchè avrei più cose negative che positive da dire ma sono fiducioso che toccando il fondo si possa sempre risalire, sia nella vita privata che nella vita pubblica (il sistema intero in Italia è al collasso).

Così ho deciso di ritornare a scrivere i miei pensieri, forse non sarà utile a nessuno se non a me stesso, per farmi chiarezza e comunque ricordarmi di tutto ciò che mi accade intorno.

A tutti un buon va’.

 

Davide

il mio punto di vista – Elezioni 2013

Scritto il 20 marzo 2013

Beh che dire dopo la parcondicio mantenuta in tutta la campagna elettorale dal sottoscritto, posso tirare le mie conclusioni.

Le elezioni hanno evidenziato, che gli italiani sono molto legati all’interesse personale e sul punto condivido pienamente quanto espresso dal monologo di Claudio Bisio, tenuto a Sanremo.
monologo Bisio Sanremo

Ciò premesso entrò nel merito di quanto é emerso dalle volontà di voto degli Italiani.
Le due novità che mi hanno stupito sono il grosso voto di protesta espresso dagli elettori con il Movimento 5 Stelle e sopratutto l’harakiri politico del PD che estromettendo Renzi dalla corsa al voto ha compromesso la vittoria certa arrivando ad una sconfitta certa.

Il Movimento 5 Stelle, mio malgrado,é in questo momento il partito con piú elettorato in Italia, e quindi se il Presidente della Repubblica intendesse applicare la democrazia fino in fondo dovrebbe affidare a Beppe Grillo la formazione del governo. Chi scrive non ha mai gradito il populismo del comico genovese. Ma su una cosa concordo con gli attivisti del Movimento 5 Stelle: il dato potenzialmente positivo di avere dei cittadini in Parlamento, sperando solo che possano avere spazio, e che possano far valere le loro idee, le loro posizioni e le loro proposte. Senza che diventino dei servi ubbidienti alla catena, con il mandato del silenzio, del volere di un portavoce populista. Se non credi tu nei tuoi eletti, caro Grillo, non potranno certo crederci gli italiani.

Ciò detto credo che gli scenari che da oggi si possono intravedere nel panorama italiano non promettono nulla di buono e intanto la crisi continua a mietere vittime e ad allontanare possibili riprese dal suolo italiano.

Dimissioni del Papa

Carissimi Fratelli,

vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni, ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa. Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino. Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato. Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20,00, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l’elezione del nuovo Sommo Pontefice.

Carissimi Fratelli, vi ringrazio di vero cuore per tutto l’amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti. Ora, affidiamo la Santa Chiesa alla cura del suo Sommo Pastore, Nostro Signore Gesù Cristo, e imploriamo la sua santa Madre Maria, affinché assista con la sua bontà materna i Padri Cardinali nell’eleggere il nuovo Sommo Pontefice. Per quanto mi riguarda, anche in futuro, vorrò servire di tutto cuore, con una vita dedicata alla preghiera, la Santa Chiesa di Dio.

Dal Vaticano, 10 febbraio 2013

BENEDICTUS PP XVI

 

Avevo questo post pronto da qualche giorno, ma non ho avuto tempo di pubblicarlo per sapere la vostra opinione.

La notizia, in questi giorni vista la rilevanza, occupa le pagine di tutti i quotidiani del mondo, ma la cosa che più mi ha colpito è l'assenza di una motivazione concreta, o meglio, di una spiegazione comprensibile alla scelta fatta a seguito di quanto succede nel mondo.

Devo essere sincero la mia curiosità sarebbe quella di poter approfondire e discutere della cosa con le persone di un credo diverso; poter discutere con un Rabbino o con un Imam per capire la loro visione e le considerazioni rispetto a decisione importante, presa dal Papa, che ha un solo precedente di oltre 700 anni fa con Celestino V.

Dall'altro lato spero che questa decisione del Papa possa riportare alla luce i limiti della Chiesa che si sono espressi negli ultimi periodi.

Credo sia il momento che l'intera organizzazione della Chiesa ripensi al modo di riprendersi la propria comunità, che la Santa Sede abbia la forza e l'opportunità di riportare la credibilità, dopo gli scandali che hanno investito il lato “terreno” della Chiesa, e ritornare ad essere la valida guida che attrae nuovi fedeli.

Spero di sentire qualche vostro commento su questo argomento.

Saluti a tutti a tutti

Davide

 

www.digitalepertutti.com

Ciao a tutti,

nessun post impegnativo, oggi voglio solo fare un po’ di pubblicità ad un amico che ha deciso di “divulgare” la sua conoscenza in campo informatico e fotografico.

WWW.DIGITALEPERTUTTI.COM : Bellissimi spunti e spiegazioni chiare e soprattutto tanta passione, per chi è interessato consiglio di segnarselo tra i preferiti e di passare a controllarlo di tanto in tanto.

 

Buonanotte a tutti

 

Davide